Banner in alto

I cristiani devono sentirsi responsabili di fronte ai mondi della comunicazione, dell’educazione e delle scienze, per far sentire la presenza della Chiesa nella società e animare con intelligenza, nel rispetto della loro legittima autonomia, i diversi linguaggi dell’arena pubblica
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
Copercom con Bagnasco
Il Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) si associa alla preoccupazione espressa dal presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, che...
Leggi tutto...
Sì a legge su fine vita
Il tavolo dei presidenti del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione) ha approvato il seguente Ordine del giorno in relazione al dibattito...
Leggi tutto...
Delle Foglie: nuovo presidente Copercom
“Ascoltare, dialogare e promuovere. Sono le tre linee guida che dovranno caratterizzare l’attività futura del Coordinamento per un impegno comune”. È l’invito...
Leggi tutto...
Banner
Banner
«  settembre 2017  »
lmmgvsd
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
09
Dec
2011
Il Copercom e gli aiuti all'editoria PDF Stampa E-mail
giornali“Profonda preoccupazione” viene espressa dal Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) in riferimento alla scelta del governo di cancellare, con il comma 3 dell’articolo 29 della manovra, gli aiuti diretti all’editoria. “Il governo non può non sapere – precisa il Copercom – che la decisione di azzerare i sostegni economici alla data del 31 dicembre 2014, equivale a una stangata insopportabile per moltissime voci libere del nostro Paese. Per tante testate sarà una vera e propria condanna alla chiusura che neppure la generosità del volontariato e i sacrifici dei diversi mondi di riferimento potrà evitare”.
“In particolare il pensiero va a tutti quei giornali di idee che svolgono un servizio per l’espansione e il consolidamento della democrazia partecipativa e a quelle testate che esercitano una preziosa azione di presidio territoriale. In questo ambito spiccano anche cooperative e aziende no profit, il cui ruolo non può essere in alcun modo surrogato dal libero mercato che non intende farsi carico di queste esigenze sociali. Ecco perché si giustifica ampiamente un intervento dello Stato, come già definito nella legge istitutiva 250 del 1990, pur nella consapevolezza dei sacrifici che vengono oggi richiesti a tutti i cittadini. Un intervento rigoroso, dunque, esigente e trasparente. Sicuramente non di natura assistenziale, o peggio di impronta neo clientelare o addirittura di sostegno alle caste. Un intervento che escluda privilegi e che sia compatibile con le risorse dello Stato”.
“Per queste ragioni – conclude il Copercom – si attendono dal governo Monti una sollecita assunzione di responsabilità e dal sottosegretario all’editoria Carlo Malinconico un’iniziativa qualificata e incisiva”.

Per il comunicato stampa clicca qui.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
RocketTheme Joomla Templates