Banner in alto

Al fine di favorire la riflessione e il coordinamento di varie associazioni nazionali che si interessano alla comunicazione, è stato costituito il Copercom (Coordinamento per la comunicazione)
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
Copercom con Bagnasco
Il Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) si associa alla preoccupazione espressa dal presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, che...
Leggi tutto...
Sì a legge su fine vita
Il tavolo dei presidenti del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione) ha approvato il seguente Ordine del giorno in relazione al dibattito...
Leggi tutto...
Delle Foglie: nuovo presidente Copercom
“Ascoltare, dialogare e promuovere. Sono le tre linee guida che dovranno caratterizzare l’attività futura del Coordinamento per un impegno comune”. È l’invito...
Leggi tutto...
Banner
Banner
«  agosto 2017  »
lmmgvsd
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
27
Jun
2012
Tv a maglie strette PDF Stampa E-mail
di Pier Luigi Fornari   
pericolo_tv«Sono vietate le trasmissioni televisive che possono nuocere gravemente allo sviluppo fisico, mentale o morale dei minori, e in particolare i programmi che presentano scene di violenza gratuita o insistita o efferata ovvero pornografiche». Così recita il nuovo articolo 34 del testo unico della radiotelevisione adeguato alle esigenze di una tutela più efficace degli utenti più giovani. Il nuovo testo recepisce i rilievi della Commissione europea in materia, applicando i precetti suggeriti espressamente dal Comitato per la tutela dei minori, dotato di una specifica competenza nel campo. Il provvedimento è una attuazione della delega prevista dalla legge comunitaria. Il decreto è stato varato ieri a Palazzo Chigi su proposta dei ministri dello Sviluppo economico, Corrado Passera, di quello degli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi, e di concerto con i ministri degli Esteri, della Giustizia, dell’Economia e finanze. Il testo è stato sottoposto anche al parere delle competenti commissioni di Camera e Senato di cui ha raccolto le indicazioni. Il criterio generale adottato è quello di un affinamento delle tutele adeguandole allo sviluppo dei media, ed operando una distinzione tra il regime delle trasmissioni cosiddette “lineari” (in chiaro o a pagamento) e quello delle trasmissioni cosiddette “non lineari” (o “a richiesta”). La nuova normativa proibisce la messa in onda di film classificati come “vietati ai minori di 18 anni” e di programmi considerati gravemente nocivi dello sviluppo psicofisico dei minori, che potranno essere fruiti solo ed esclusivamente mediante servizi a richiesta dell’utente, purché dotati delle necessarie tutele, con una esplicita assunzione di responsabilità del maggiorenne e raffinati controlli specifici del rispetto delle regole. Vigerà anche in questo caso l’obbligo della segnaletica.
Per quanto riguarda poi i film vietati ai minori di 14 anni, precisa una nota del ministero dello Sviluppo, e tutti gli altri programmi comunque nocivi dello sviluppo psicofisico dei telespettatori più piccoli, essi potranno andare in onda solo fra le 23 e le 7 del mattino, oppure con l’uso obbligatorio di un parental control. In entrambi i casi dovrà sempre essere presente l’apposita avvertenza televisiva (bollino rosso). I criteri per l’individuazione dei contenuti considerati non adatti alla fruizione dei minori saranno individuati, sulla scorta della normativa comunitaria, dall’Agcom, allo scopo di garantire la messa in onda di programmi che non ledano il corretto sviluppo psicofisico dei minori. Le stesse norme valgono anche per le anteprime di opere cinematografiche. Il ministro dello Sviluppo insieme a quello dell’Istruzione curerà poi la realizzazione di campagne scolastiche per un uso consapevole dei media, e trasmissioni rivolte a questo scopo anche ai genitori.

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
RocketTheme Joomla Templates