Banner in alto

I cristiani devono sentirsi responsabili di fronte ai mondi della comunicazione, dell’educazione e delle scienze, per far sentire la presenza della Chiesa nella società e animare con intelligenza, nel rispetto della loro legittima autonomia, i diversi linguaggi dell’arena pubblica
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
Copercom con Bagnasco
Il Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) si associa alla preoccupazione espressa dal presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, che...
Leggi tutto...
Sì a legge su fine vita
Il tavolo dei presidenti del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione) ha approvato il seguente Ordine del giorno in relazione al dibattito...
Leggi tutto...
Delle Foglie: nuovo presidente Copercom
“Ascoltare, dialogare e promuovere. Sono le tre linee guida che dovranno caratterizzare l’attività futura del Coordinamento per un impegno comune”. È l’invito...
Leggi tutto...
Banner
Banner
«  agosto 2017  »
lmmgvsd
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
22
Jun
2012
L’Ucsi: un Osservatorio sulla Rai PDF Stampa E-mail
Regia_televisiva_BbcLa costituzione di un Osservatorio sulla Rai per promuovere una riflessione con professionisti, accademici ed esperti sulla missione del servizio pubblico. È la proposta del consiglio nazionale dell’Ucsi (Unione cattolica stampa italiana) che si è riunito a Roma sotto la presidenza di Andrea Melodia.
“Informazione, comunicazione interpersonale, opinione pubblica, l’intero universo mediale – si legge nel documento – sono oggi segnati da profonde barriere generazionali e culturali che devono essere superate”. Per il nostro Paese “il raggiungimento di questo obiettivo condiziona lo sviluppo economico e la coesione nazionale” e ciò “impone di dare nuovo ruolo” e “mandato al servizio pubblico radiotelevisivo” in un’“ottica multimediale”.
Inoltre, prosegue il documento, “assistiamo sul tema a una disordinata e alquanto confusa riflessione politica che stenta a far individuare coordinate comuni a partiti, movimenti e società civile, sopra le quali occorre costruire un nuovo modello di governance dell’azienda pubblica e soprattutto definire un’innovativa missione editoriale”. Di qui la necessità, da parte dei giornalisti dell’Ucsi, di dare un contributo al dibattito creando un Osservatorio sulla Rai.
Leggi tutto...
 
21
Jun
2012
Una Fondazione per governare la “nuova” Rai PDF Stampa E-mail
di Pier Giorgio Liverani - Servizio pubblico 3   
rai_manifestazione_cittadiniVolentieri pubblichiamo un articolo di Pier Giorgio Liverani, giornalista di lungo corso e Delegato del Mpv nel Comitato del Copercom. La sua riflessione si inserisce nel dibattito sviluppatosi attorno alle ipotizzate presenze del mondo associativo nel CdA della Rai e si spinge a ipotizzare una forma moderna e alternativa di governance per la “più grande azienda culturale italiana”.

L’indicazione da parte del Partito Democratico di due persone (niente da dire sui loro nomi) suggerite «dalle associazioni» come possibili membri del Consiglio di Amministrazione della Rai provoca approvazione ma anche interrogativi. Ottima cosa aprire il servizio pubblico televisivo all’associazionismo, ma con quale criterio sono state scelte le associazioni designatrici? Vorrei, allora, come emerito (senza meriti) di un Consiglio Consultivo e di tre Consigli Nazionali degli Utenti del complesso sistema delle comunicazioni, e come co-fondatore del Copercom, esprimere anch’io, molto schematicamente, un’opinione sull’auspicabile “nuovo” della Rai.
Leggi tutto...
 
18
Jun
2012
Forum Greenaccord: premiato Bustaffa (Sir) PDF Stampa E-mail
paesaggio_di_montagna_2“L’uomo deve essere cosciente di far parte della natura, che la sua esistenza dipende da essa, e deve quindi imparare a vivere con essa e non contro di essa”. Così Andrea Masullo, presidente del Comitato scientifico di Greenaccord, ha chiuso ieri a Trento i lavori del 9° Forum dell’informazione cattolica per la salvaguardia del creato, rivolgendo un richiamo, alla vigilia del summit “Rio+20”, “perché i governanti del mondo si affrettino a cambiare strada” e “la politica torni a mettere al centro della sua azione l’uomo”. “La paura di perdere qualcosa nel cambiare strada - ha richiamato Masullo - rischia di farci perdere tutto ciò che di buono, seppur fra tante contraddizioni, l’umanità ha fino a oggi costruito. La montagna c’insegna che oltre la vetta non si può salire, ma se non ci si ferma per tempo si può solo precipitare. La crescita del consumo di natura ha da tempo superato la vetta e ormai, consumando ogni anno oltre il 20% in più delle risorse che la Terra riesce a riprodurre, ci stiamo pericolosamente sporgendo sul precipizio”.
Leggi tutto...
 
18
Jun
2012
I Laboratori e la vita di Saroo PDF Stampa E-mail
Saroo_ritrova_la_madre_grazie_a_google_earthVolentieri pubblichiamo l’intervento di Umberto da Roma che, a modo suo, ci offre una lettura accattivante dopo aver partecipato ai Laboratori del Copercom per gli animatori della cultura e della comunicazione.

Mi ha colpito una notizia recentemente ripresa dai media nazionali.
In India, nel 1986, il piccolo Saroo (nella foto) aveva solo 5 anni e lavorava insieme al fratello come addetto alle pulizie in una stazione ferroviaria. Durante una notte di lavoro il bambino si addormenta su una panchina e, al risveglio, non trova più il fratello. Decide allora di salire sul primo treno, convinto di ritrovarlo, ma il fratello non è a bordo. Esausto e spaventato Saroo si addormenta. Quando riapre gli occhi, dopo 14 ore, si ritrova a Calcutta, terza metropoli del Paese. Inutili le richieste di aiuto ai passanti: ben presto Saroo inizia a mendicare tra gli slum della città, emulando gli altri bambini, rischiando la vita ogni giorno e schivando richieste da parte di adulti sospettosamente generosi. La vita di Saroo subisce una svolta quando viene finalmente accolto in un orfanotrofio e adottato da una famiglia australiana, i Brierely, dove cresce sereno e al sicuro.
Leggi tutto...
 
15
Jun
2012
Age: spazio ai genitori nel Cda Rai PDF Stampa E-mail
di Davide Guarneri - Servizio pubblico 2   
rai-ripetitoreÈ apprezzabile che, intorno alla grande azienda culturale Rai, finalmente si apra almeno il dibattito relativo alla necessità di dare respiro, costituendo un CdA che non sia diretta espressione, secondo un sistema proporzionale, dei partiti presenti nel Paese.
Interessante pure la richiesta ad associazioni della cosiddetta società civile di esprimere loro candidature. Certo, quali associazioni? Chi le seleziona e convoca, con quali criteri, quali competenze?
Bene, mi sento, apertamente di proporre che, fra i criteri, vi possa essere anche quello della rappresentanza dei principali utenti Rai, certamente i principali “committenti”: le famiglie italiane.
Inoltre, a fronte delle periodiche e ricorrenti polemiche sulla qualità dei programmi televisivi dell’emittente pubblica, perché non mettere i minori, i bambini e gli adolescenti al centro dell’attenzione, chiedendo proprio ai loro genitori, in quanto tali, di essere fra coloro che indicano le linee fondamentali dell’Azienda?
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 58
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
RocketTheme Joomla Templates