Banner in alto

Al fine di favorire la riflessione e il coordinamento di varie associazioni nazionali che si interessano alla comunicazione, è stato costituito il Copercom (Coordinamento per la comunicazione)
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
Copercom con Bagnasco
Il Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) si associa alla preoccupazione espressa dal presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, che...
Leggi tutto...
Sì a legge su fine vita
Il tavolo dei presidenti del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione) ha approvato il seguente Ordine del giorno in relazione al dibattito...
Leggi tutto...
Delle Foglie: nuovo presidente Copercom
“Ascoltare, dialogare e promuovere. Sono le tre linee guida che dovranno caratterizzare l’attività futura del Coordinamento per un impegno comune”. È l’invito...
Leggi tutto...
Banner
Banner
«  novembre 2017  »
lmmgvsd
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930 
17
May
2012
Media e minori: le buone prassi PDF Stampa E-mail
di Patrizio Ciotti   
Lavagna_interattiva_multimediale_Lim_1“Utilizzare le eccellenze nelle scuole, nelle associazioni, nelle comunità e nelle parrocchie per formare gli educatori. Incoraggiarli a non aver paura. A essere curiosi. A approfondire le nuove tecnologie”. È quanto è emerso ieri sera dalla diretta web del laboratorio online “animatori cultura e comunicazione” del Copercom sul tema “Media e minori: come far emergere e valorizzare il positivo?”, per un approccio alle “buone prassi”.
Massimo Angeloni, docente e presidente dell’Uciim (Unione cattolica insegnanti medi) Lazio, ha parlato della sperimentazione della Lavagna interattiva multimediale (Lim) nelle scuole. “La nostra associazione – ha spiegato – si occupa innanzitutto della formazione dei docenti. Li aiutiamo a prendere confidenza con la Lim. È chiaro che devono avere un minimo di conoscenza dell’informatica”. Essere al passo, o quantomeno accorciare le distanze, col “linguaggio dei nativi digitali”. Così facendo possono organizzare meglio “il materiale per la lezione” (testi, suoni, immagini, video). “Cerchiamo”, inoltre, “di far interagire i ragazzi con loro sui contenuti”. La “scommessa” è trovare “un punto d’incontro tra le due generazioni”. I docenti, però, devono “mettersi alla prova”, sperimentando “sul campo”. L’obiettivo, ha chiarito Angeloni, è “veicolare e far sentire il valore stesso dei contenuti”, selezionandoli prima. Insomma, ciò che conta sono “i contenuti e le modalità nel progettare una lezione con la Lim”.
Filippo Borille, del duo comico “Marco e Pippo”, ha illustrato il progetto “adolescenti digitali” che da quattro anni porta avanti nella diocesi di Padova con don Marco Sanavio, per promuovere esperienze di educazione all’uso delle nuove tecnologie nelle scuole e nei gruppi di catechesi. “I ragazzi – ha osservato – hanno una soglia di attenzione molto bassa. Gli adulti talvolta sono stanchi. Ecco, il nostro compito è far entrare la generazione adulta nell’ottica di quella nativa digitale”. Inoltre, con “le rappresentazioni teatrali o gli sketch, tocchiamo storie diverse, ad esempio di cyberbullismo, facendole interpretare dagli stessi ragazzi”. È “un modo leggero ma efficace di comunicare”, propedeutico agli interventi di don Sanavio e della psicologa che lo affianca nel progetto. “Farli pensare col sorriso”. Ma “bisogna dosare bene comicità e contenuti”.
Tornando alla Lavagna interattiva multimediale, Angeloni ha sottolineato che potrebbe essere anche “uno strumento di integrazione nelle classi multietniche”, per superare differenze e diffidenze. Comunque, ha concluso, “il mezzo di per sé non aiuta se non si è adeguatamente formati”.

Per rivedere la puntata, clicca qui.

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
RocketTheme Joomla Templates