Banner in alto

Al fine di favorire la riflessione e il coordinamento di varie associazioni nazionali che si interessano alla comunicazione, è stato costituito il Copercom (Coordinamento per la comunicazione)
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
Copercom con Bagnasco
Il Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) si associa alla preoccupazione espressa dal presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, che...
Leggi tutto...
Sì a legge su fine vita
Il tavolo dei presidenti del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione) ha approvato il seguente Ordine del giorno in relazione al dibattito...
Leggi tutto...
Delle Foglie: nuovo presidente Copercom
“Ascoltare, dialogare e promuovere. Sono le tre linee guida che dovranno caratterizzare l’attività futura del Coordinamento per un impegno comune”. È l’invito...
Leggi tutto...
Banner
Banner
«  settembre 2017  »
lmmgvsd
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
07
Jun
2012
Il mercatino delle autorità PDF Stampa E-mail
di Sergio Rizzo   
agcom_sedeÈ davvero bizzarro un Paese nel quale si pensa di risolvere ogni problema creando una nuova authority. L'ultima in ordine di apparizione è l'organismo indipendente che Camera e Senato dovranno costituire per sorvegliare le pubbliche finanze, previsto dalla legge costituzionale con cui è stato introdotto il pareggio di bilancio. Non bastava la Corte dei Conti, cui la nostra Carta fondamentale assegna quel compito? Per non parlare della Ragioneria generale, considerato il gendarme dell'Erario. E senza considerare che ciascuno dei due rami del Parlamento ha già una propria struttura dedicata all'esame dei bilanci.
Il tutto mentre lo Stato ha una vaga idea del perimetro della spesa pubblica, conosce a malapena il numero di stipendi pagati dai contribuenti e ignora perfino quanto guadagnano i suoi alti burocrati: al punto da dover chiedere a loro stessi, per poter applicare il tetto alle buste paga, di dichiarare la reale retribuzione percepita.
In compenso, sappiamo con certezza come saranno individuati i membri di questa ennesima authority.
Leggi tutto...
 
07
Jun
2012
Laboratorio Copercom, dite la vostra! PDF Stampa E-mail
Ragazza_e_tvDite la vostra sui Laboratori del Copercom. Questo è l’invito che rivolgiamo ai tantissimi amici che hanno partecipato alle cinque serate del modulo primaverile dedicato a “Minori e media: l’educazione alla prova”. Pensiamo che sia giunto il momento di dare voce a quanti ci hanno seguito, nell’area pubblica o attraverso la chat, per approfondimenti, giudizi, opinioni, commenti e suggerimenti. Chi non avesse avuto modo di partecipare, può rivedere le cinque puntate attraverso i collegamenti video sulla nostra home page (archivio registrazioni). Crediamo che questa sia la strada giusta per la formazione ricorrente, in tempi di grande sobrietà come quelli che stiamo vivendo. Sappiamo che anche tanti insegnanti di religione hanno approfittato di questa opportunità e siamo lieti di renderci utili a tutti gli operatori della cultura e della comunicazione che operano nelle nostre realtà ecclesiali. Ci auguriamo che questo invito venga raccolto e attendiamo i vostri messaggi all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Tutto ciò che scriverete sarà vagliato per la pubblicazione, dal presidente Domenico Delle Foglie e dal vicepresidente Paolo Bustaffa, responsabile delle attività di formazione del Copercom. Vi preghiamo di specificare, nei messaggi, la disponibilità alla pubblicazione dei vostri contributi in un’apposita area della home page del Copercom (www.copercom.it).
Leggi tutto...
 
07
Jun
2012
Editoria cattolica, non è più un'sola PDF Stampa E-mail
di Giuliano Vigini   
libreriaL’editoria religiosa è stata per lunghi anni una realtà lontana, sconosciuta ai più. Lo è stata, sia perché la si considerava un’isola nel più vasto arcipelago dei libri, sia soprattutto perché le stesse case editrici cattoliche non facevano molto (anche a livello di diffusione dei loro dati di vendita) per farsi conoscere. Adesso le cose stanno cambiando e va dato atto all’Uelci e al Consorzio per l’editoria cattolica di aver favorito questo nuovo corso.
I dati di vendita dei principali distributori cattolici (Diffusione San Paolo, Messaggero Distribuzione, Elledici, Dehoniana Libri) collegati al servizio Arianna di Informazioni Editoriali forniscono in realtà elementi di informazione preziosi. La presentazione, avvenuta ieri a Milano, del 'sell out dell’editoria cattolica' contenuta nel primo Rapporto sul 2011 e sul 1° quadrimestre 2012 non offre una fotografia generale delle caratteristiche e delle dinamiche interne del settore (che sono complesse e articolate a livello nazionale e locale), ma orienta su alcuni aspetti importanti del quadro d’insieme.
Leggi tutto...
 
06
Jun
2012
Una tv che guarda al passato PDF Stampa E-mail
di Aldo Grasso   
Bruno_VespaPenare d’incertezza, come l’asino di Buridano: le mondine di Gad o la valletta di Bruno? Questo passava il convento, lunedì sera. D’istinto le mondine su La7, tanto per omaggiare Riso amaro e soprattutto La risaia di Raffaello Matarazzo con una splendida Elsa Martinelli travestita da mondina. Anche le mondine di Bentivoglio erano travestite da mondine (potevano ingaggiare anche Maurizio Landini e nessuno se ne sarebbe accorto) e cantavano «Sciur padrun da li béli braghi bianchi, fora li palanchi, fora li palanchi, ch’anduma a cà». Era dai tempi del duo di Piadena che non la si sentiva più, era dai tempi di «Alto gradimento», quando le canzoni popolari venivano già usate in versione camp (che non sta per «campagnola» ma per «uso consapevole del kitsch»).
Ma appena Paolo Savona, riferendosi all’euro (lui che ha avuto posti di responsabilità nel governo di questo Paese) si domanda «Conviene morire per Danzica?», via a gambe levate verso la valletta. La valletta di Bruno si chiama Benedetta Rinaldi, sembra una citazione, un omaggio a Emilio Fede (le giornaliste le trattava così, facendo loro leggere qualche agenzia).
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 70
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
RocketTheme Joomla Templates