Banner in alto

Al fine di favorire la riflessione e il coordinamento di varie associazioni nazionali che si interessano alla comunicazione, è stato costituito il Copercom (Coordinamento per la comunicazione)
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
  • Associazioni Copercom
Copercom con Bagnasco
Il Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) si associa alla preoccupazione espressa dal presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, che...
Leggi tutto...
Sì a legge su fine vita
Il tavolo dei presidenti del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la Comunicazione) ha approvato il seguente Ordine del giorno in relazione al dibattito...
Leggi tutto...
Delle Foglie: nuovo presidente Copercom
“Ascoltare, dialogare e promuovere. Sono le tre linee guida che dovranno caratterizzare l’attività futura del Coordinamento per un impegno comune”. È l’invito...
Leggi tutto...
«  settembre 2017  »
lmmgvsd
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
25
Jun
2012
Governo Rai: trasparenza cercasi PDF Stampa E-mail
di Andrea Melodia - Servizio pubblico 4   
rai_digitale_terrestreSul tema del governo del servizio pubblico radiotelevisivo interviene il presidente dell’Ucsi, Andrea Melodia. Prosegue così il confronto avviato dal presidente del Copercom, Domenico Delle Foglie, e al quale hanno partecipato Andrea Guarneri (presidente Age) e Pier Giorgio Liverani (delegato Mpv).

Intervengo volentieri nel dibattito sul futuro della Rai, azienda cui sono stato legato per decine di anni.
Per prima cosa occorre confutare l’idea che il servizio pubblico sia inutile. Lo si può fare con analisi storiche, sul ruolo svolto dai servizi pubblici nel XX secolo (anche negli Stati Uniti, dove i network privati hanno fatto indubitabilmente servizio pubblico) e confermarlo attraverso una analisi sulla situazione dei media oggi, nell’era della rete multimediale. Informazione, comunicazione interpersonale, opinione pubblica, l’intero universo mediale sono oggi segnati da barriere generazionali e culturali che devono essere superate. Per il nostro Paese il raggiungimento di questo obbiettivo condiziona lo sviluppo economico e la coesione nazionale. Questo impone di dare nuovo ruolo, nuovo mandato al servizio pubblico radiotelevisivo, in una ottica multimediale. Su questa strada si stanno muovendo, chi più chi meno velocemente, i servizi pubblici europei, a cominciare dalla Bbc; e gli stessi Stati Uniti si stanno ponendo questa esigenza.
La seconda idea da respingere è che il servizio pubblico sia ingestibile, perché viene usato dalla politica per scopi diversi da quelli per cui è nato. È vero che questo accade, ma non si butta via il bambino con l’acqua sporca.
Ha dunque ragione Pier Giorgio Liverani a porre il problema del distacco della Rai dalla politica, e del riavvicinamento alla società civile e alla sua rappresentanza. Anch’io credo che un organo consultivo che rappresenti le istanze della società debba avere voce in capitolo. Dubito però che possa essere un buon organo di governo societario: troppo frammentario, troppo estraneo alla competenza sul prodotto e sulle regole della comunicazione mediale, oltre a quelle della gestione aziendale.
Ha anche ragione Domenico Delle Foglie quando dice che le responsabilità della società civile e quelle della politica sono interconnesse. E infatti è indispensabile che sia la politica a fare la prima scelta utile sulla Rai: quella di occuparsene il meno possibile, se non per ragionare sul suo mandato e sui modi corretti di gestirla, delegando a poche persone davvero competenti tutte le decisioni, e pretendendo poi precisi rendiconti sul fronte del valore sociale espresso, prima ancora che su quello economico.
Il problema è tutto e solo quello del mandato e della competenza professionale, e naturalmente delle risorse dedicate. Non si può decidere in astratto se la Rai abbia bisogno di una sola rete o di 20 (oggi mi pare siano 14): è l’intero universo mediale che deve ottenere i benefici del servizio pubblico in termini di qualità.
Come ottenere questo? Credo che la sola strada possibile sia quella della trasparenza. Occorre discutere pubblicamente sul mandato, occorre sottoporre a una analisi pubblica i programmi e le competenze di coloro che si candidano, o che vengono candidati, ai vertici aziendali. Un metodo inusitato in Italia, e davvero non si capisce perché, visto che viene applicato nel mondo con buoni risultati.
Bene dunque la strada dei curricula alla Commissione parlamentare, ma ha qualche senso che i partiti abbiano già deciso prima di leggerli? Forse la designazione di persone degnissime da parte di questa o quella associazione stimata dai partiti costituisce procedura trasparente? No, siamo ancora nell’ambito delle amicizie, della fiducia all’italiana.
Vorrei invece che i curricula venissero letti e valutati in seduta pubblica dalla Commissione parlamentare, che dopo una prima scrematura si invitassero i candidati per ascoltarli e valutarli pubblicamente. Mi piacerebbe che a questa procedura si sottoponessero senza vergogna anche coloro che hanno storie personali strepitose. Vorrei che uno dei tanti canali Rai trasmettesse in diretta tutto questo. Allora forse cominceremmo ad avere un Paese normale.

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
RocketTheme Joomla Templates